Inglese,  Letture

Mr Greedy

Oggi leggerò una storia in inglese, Mr Greedy, il secondo libro della serie Mr Men di Roger Hargraves. Qui sotto potete trovare la traduzione in italiano della storia, nel caso non sappiate qualche parola.

Grazie e buon ascolto, anzi, thank you and happy listening!

IL SIGNOR GREEDY

Al signor Greedy piaceva mangiare! In effetti il signor Greedy amava mangiare, e più mangiava più diventava grasso. E il guaio era che più grasso diventava, più diventava affamato. E più diventava affamato, più mangiava. E più mangiava, più diventava grasso. E così andava avanti. Il signor Greedy viveva in una casa che gli somigliava un po’. Era una casa rotonda come lui. Una mattina il signor Greedy si svegliò un po’ prima del solito. Aveva sognato il cibo, come al solito, e questo lo aveva fatto svegliare affamato, come al solito. Così il signor Greedy si alzò, scese al piano di sotto e fece la colazione più enorme di sempre.

Questo è ciò che il signor greedy ha mangiato a colazione.

PANE – 2 fette

LATTE – 1 bottiglia

CEREALI – 1 scatola

ZUCCHERO – 1 ciotola

PANE – 3 fette

UOVA – 3 bollite

PANE – 4 fette

BURRO – 1 piatto 

MARMELLATA – 1 vasetto

Quando ebbe finito la sua enorme colazione, il signor Greedy si appoggiò allo schienale della sedia, fece un sorriso molto soddisfatto e pensò.

“Era una colazione deliziosa”, pensò tra sé. “Ora mi chiedo: cosa sarebbe bello mangiare a pranzo?”

Decise che per stuzzicare l’appetito per il pranzo sarebbe andato a fare una lunga passeggiata.

Quella mattina il signor Greedy camminò e camminò e camminò.

Poi scoprì una grotta.

“È strano”, pensò “Non ricordo di averla visto prima”.

Il signor Greedy, essendo un tipo curioso, decise di esplorare.

Entrò nella caverna oscura.

All’interno scoprì dei gradini giganti che portavano verso l’alto

Mr Greedy, essendo un tipo curioso, decise di scalarli.

In cima ai gradini il signor Greedy si avvicinò a una porta.

Era, senza dubbio, la porta più grande che il signor Greedy avesse mai visto. E non era del tutto chiusa.

Così il signor Greedy si è infilato nella fessura della porta e davanti a lui c’era uno spettacolo incredibile.

La stanza più grande del mondo!

Il pavimento era grande come un campo.

Il tavolo in mezzo al pavimento era grande come una casa e le sedie intorno erano alte come alberi.

Il signor Greedy si sentiva molto piccolo.

Poi ha annusato.

Da qualche parte in cima di quel gigantesco tavolo proveniva l’odore di cibo più delizioso che il signor Greedy avesse mai sentito.

Il signor Greedy annusò di nuovo, e poi decise che doveva salire su quel tavolo, così iniziò a salire sulla gamba dell’enorme sedia.

È stato molto difficile e gli ci è voluto molto tempo, ma alla fine il signor Greedy è arrivato sul tavolo.

Tutto era più grande del normale.

Il sale e il pepe erano entrambi grandi come casse a colonna.

C’era un cesto di frutta sul tavolo e il signor Greedy cercò di sollevare una delle arance.

E il signor Greedy, essendo il signor Greedy, ha morso una delle mele.

Poi si guardò intorno.

Dall’altra parte del tavolo c’era la fonte di quel delizioso odore.

Era un enorme, gigantesco piatto colossale, e sul piatto, enormi, enormi, gigantesche salsicce colossali delle dimensioni di cuscini, e enormi enormi gigantesche patate colossali delle dimensioni di palloni da spiaggia, ed enormi enormi piselli giganteschi e colossali delle dimensioni di cavoli.

Il signor Greedy si affrettò attraverso il tavolo verso il piatto e, essendo il signor Greedy, cominciò a mangiare.

Improvvisamente un’ombra cadde sul piatto e il signor Greedy si ritrovò sollevato da una mano gigante e guardò negli occhi di un vero gigante.

“E TU”, tuonò il gigante, “CHI SEI?”

Il signor Greedy era così spaventato che riuscì solo a squittire il suo nome. “Signor Greedy”, squittì.

Il gigante rise una risata come un tuono. “Avidi di nome e avidi di natura”, ruggì. “BENE, PENSO CHE AL SIGNOR GREEDY  SERVA UNA LEZIONE!”

E allora ci fu una lezione.

Il gigante ha fatto mangiare al signor Greedy tutto quello che c’era su quell’enorme, gigantesco piatto colossale.

Quando ebbe finito, il signor Greedy si sentì davvero molto male, come se potesse scoppiare da un momento all’altro.

“Ora”, disse il gigante con voce molto più calma, “prometti di non essere mai più avido?”

“Oh sì”, gemette Mr Greedy, “lo prometto!”

“molto bene”, disse il gigante, “allora ti lascio andare”.

Il signor Greedy scese dal tavolo e uscì dalla porta sentendosi molto grasso ed estremamente infelice.

E sai, da quel giorno, il signor Greedy ha mantenuto la sua promessa.

E sai qualcos’altro?

Mr Greedy non sembra più come prima.

Ora ha questo aspetto, che penso gli si addica molto meglio, vero?

Quindi, se conosci qualcuno che è avido come lo era il signor Greedy, sai cosa dirgli, vero?

Attento ai giganti!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.