Inglese,  Letture

Mr Tickle

Oggi leggerò una storia in inglese, Mr Tickle di Roger Hargreaves, Egmont editore. Sotto potrai trovare il testo e la traduzione in italiano. Grazie e buon ascolto!

It was a warm, sunny morning. In his small house at the other side of the wood Mr Tickle was asleep. You didn’t know that there was such a thing as a Tickle, did you?  Well, there is! Tickles are small and round and they have arms that stretch and stretch and stretch. Extraordinary long arms! Mr Tickle was fast asleep. He was having a dream. It must have been a very funny dream because it made him laugh out loud, and that woke him up. He sat up in bed, stretched his extraordinary long arms, and yawned an enormous yawn. Mr Tickle felt hungry, so do you know what he did? He reached out one of his long arms,opened the bedroom door, reached down the stairs, opened the kitchen door, reached into the kitchen cupboard, opened the biscuit tin, took out a biscuit, brought it back upstairs, in through the bedroom door and back to Mr Tickle in bed. As you can see, it’s very useful indeed to have arms as long as Mr Tickle’s. Mr Tickle munched his biscuit. He looked out the window. “Today looks very much like a tickling day” he thought to himself. So, later that morning, after Mr Tickle had made his bed and cooked his breakfast, he set off through the woods. As he walked along, he kept his eyes very wide open, looking for somebody to tickle. Looking for anybody to tickle! Eventually, Mr Tickle came to a school. There was nobody about, so, reaching up his extraordinary long arms to a high window ledge, Mr Tickle pulled himelf up and peeped in through the open window.Inside he could see a classroom. There were children sitting at their desks,and a teacher writing on the blackboard. Mr Tickle waited a minute and then reached in through the window. Mr Tickle’s extraordinary long arm went right up to the teacher, paused, and then –tickled! The teacher jumped in the air and turned around very quietly to see who was there. But there was nobody there! Mr Tickle grinned a mischievous grin. He waited another minute, and then tickled the teacher again,  this time he kept on tickling until soon the teacher was laughing out loud and saying, “Stop it! Stop it!” over and over again. All the children were laughing too at such a funny sight.  There was a terrible pandemonium. Eventually, Mr Tickle thought that he had had enough fun, so he gave the teacher one more tickle for luck, and then very quietly brought his arm back through the open window. Chuckling to himself, he jumped down from the window, leaving the poor teacher to explain what it was all about. Which of course he couldn’t. Then, Mr Tickle went to town. And what a day Mr Tickle had. He tickled the policeman on traffic duty in the crosswords in the middle of town. It caused an enormous traffic jam. He tickled the greengrocer just as he was piling apples neatly in his shop window. The greengrocer fell over backwards, and the apples rolled all over the shop. At the railway station, the guard was about to wave his flag for the train to leave. As he lifted his arm in the air, Mr Tickle tickled him. And every time he tried to wave his flag, Mr Tickle tickled him until the train was ten minutes late leaving the station and all the passengers were furios. That day Mr Tickle tickled everybody. He tickled rhe doctor. He tickled the butcher. He even tickled old Mr Stamp, the postman, who dropped all his letters into a puddle. Then Mr Tickle went home. Sitting in his armchair in his small house on the other side of the woods, he laughed and laughed every time he thought about all the people he had tickled. So, if you are in any way ticklish, beware of Mr Tickle and those extraordinary long arms of his. Just think. Perhaps he’s somewhere about at this very moment while I’m reading you this book. Perhaps that extraordinary long arms of his are already creeping up to the door of this room. Perhaps it’s opening the door now and coming into the room. Perhaps, before you know what is happening, you will be well and truly… tickled!

Era una mattina calda e soleggiata. Nella sua casetta dall’altra parte del bosco, il signor Tickle dormiva. Non sapevi che esistesse qualcosa come il Signor Solletico, vero? Ebbene, esiste! I Signori Solletico sono piccoli e rotondi e hanno braccia che si allungano, si allungano e si allungano. Braccia straordinariamente lunghe! Il signor Tickle dormiva profondamente. Stava facendo un sogno. Deve essere stato un sogno molto divertente perché lo ha fatto ridere di gusto e questo lo ha svegliato. Si mise a sedere sul letto, allungò le sue braccia straordinariamente lunghe e sbadigliò un enorme sbadiglio. Il signor Tickle aveva fame, quindi sai cosa ha fatto? Allungò una delle sue lunghe braccia, aprì la porta della camera da letto, scese le scale, aprì la porta della cucina, raggiunse l’armadio della cucina, aprì la scatola dei biscotti, tirò fuori un biscotto, lo riportò di sopra, attraverso la porta della camera da letto e di nuovo al signor Tickle a letto. Come puoi vedere, è davvero molto utile avere braccia lunghe come quelle del signor Tickle. Il signor Tickle masticava il suo biscotto. Guardò fuori dalla finestra. “Oggi somiglia molto a una giornata di solletico” pensò tra sé e sé. Così, più tardi quella mattina, dopo che il signor Tickle ebbe rifatto il letto e preparato la colazione, partì per il bosco. Mentre camminava, teneva gli occhi ben aperti, cercando qualcuno da solleticare. Alla ricerca di chiunque da solleticare! Alla fine, il signor Tickle venne in una scuola. Non c’era nessuno in giro, così, allungando le braccia straordinariamente lunghe verso un alto davanzale, il signor Tickle si tirò su e sbirciò dentro attraverso la finestra aperta. All’interno poteva vedere un’aula. C’erano bambini seduti alle loro scrivanie e un’insegnante che scriveva sulla lavagna. Il signor Tickle aspettò un minuto e poi infilò la mano nella finestra. Lo straordinario braccio lungo del signor Tickle si avvicinò all’insegnante, si fermò e poi – fece il solletico! L’insegnante saltò in aria e si voltò molto silenziosamente per vedere chi c’era. Ma non c’era nessuno! Il signor Tickle fece un sorriso malizioso. Aspettò un altro minuto, e poi fece di nuovo il solletico all’insegnante, questa volta continuò a fare il solletico finché presto l’insegnante non si mise a ridere ad alta voce e disse: “Smettila! Smettila!” ancora e ancora. Tutti i bambini ridevano anche di fronte a uno spettacolo così divertente. C’è stato un terribile pandemonio. Alla fine, il signor Tickle pensò di essersi divertito abbastanza, così diede all’insegnante un altro solletico per fortuna, e poi molto silenziosamente riportò il braccio attraverso la finestra aperta. Ridacchiando tra sé, saltò giù dalla finestra, lasciando che il povero maestro spiegasse di cosa si trattasse. Cosa che ovviamente non poteva. Poi, il signor Tickle è andato in città. E che giornata ha avuto il signor Tickle. Solleticava il poliziotto di turno con i cruciverba in mezzo alla città. Ha causato un enorme ingorgo. Fece il solletico al fruttivendolo proprio mentre ammucchiava ordinatamente le mele nella vetrina del suo negozio. Il fruttivendolo cadde all’indietro e le mele rotolarono per tutto il negozio. Alla stazione ferroviaria, la guardia stava per sventolare la bandiera per far partire il treno. Mentre alzava il braccio in aria, il signor Tickle gli fece il solletico. E ogni volta che cercava di sventolare la sua bandiera, il signor Tickle gli faceva il solletico finché il treno non lasciava la stazione con dieci minuti di ritardo e tutti i passeggeri erano furiosi. Quel giorno il signor Tickle fece il solletico a tutti. Fece il solletico al dottore. Ha fatto il solletico al macellaio. Fece persino il solletico al vecchio signor Stamp, il postino, che lasciò cadere tutte le sue lettere in una pozzanghera. Poi il signor Tickle tornò a casa. Seduto in poltrona nella sua casetta dall’altra parte del bosco, rideva e rideva ogni volta che pensava a tutte le persone che aveva fatto il solletico. Quindi, se sei in qualche modo sensibile al solletico, fai attenzione a Mr Tickle e a quelle sue straordinarie braccia lunghe. Basti pensare. Forse è da qualche parte in questo preciso momento mentre ti sto leggendo questo libro. Forse quelle sue braccia straordinariamente lunghe si stanno già avvicinando furtivamente alla porta di questa stanza. Forse ora sta aprendo la porta ed entrando nella stanza. Forse, prima di sapere cosa sta succedendo, sarai davvero… solleticato!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.